Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Rustici e torte salate’ Category

 Semplice, veloce e gustosa …

Nata per ” riciclare” un po’ di ingredienti che avevo in frigo :

  • 1 confezione di pasta brisè pronta ( non amo particolarmente queste preparazioni pronte all’uso ma è bene tenerne sempre una confezione in frigo )
  • 500 g di stracchino
  • 3 uova
  • 125 g di pancetta affumicata a dadini
  • 2 cucchiai di farina
  • 2 zucchine
  • olio extra vergine di oliva
  • aglio
  • sale
  • menta fresca
  • pepe

Rosolare le zucchine tagliate a rondelle in olio e aglio aggiustando di sale .

Schiacciare lo stracchino con una forchetta ed aggiungervi le uova, con le fruste, una alla volta, unire la farina setacciata ed, infine, la pancetta le zucchine fredde insaporite con la menta  ed il pepe.

Rivestire uno stampo da crostata con la brisè stesa, versare il composto di formaggio ed infornare a 180/200° per circa 35/40 min .

 

Con mostruso ritardo voglio ringraziare tutti voi per  i tantissimi premi ricevuti in questo periodo, mi scuso  per non averlo fatto prima, spero vogliate perdonarmi …

 Inserire tutti i premi con le relative premiazioni mi è davvero impossibile sono tantissimissimi e sto facendo una tale confusione …   scrivo quindi, solo  i nomi di chi mi ha premiato senza  a mia volta premiare …

Ringrazio quindi :

 

 

     

Spero di non aver dimenticato nessuno …

GRAZIE INFINITE A TUTTI !!!  ma, li avrò meritati questi premi ??? …

Ps

mi scuso con tutti voi per essere davvero poco presente … corro, corro, corro, non so dove arriverò mai … mah, lasciamo stare…

Read Full Post »

Le scampagnate di questi giorni potrebbero essere l’occasione per mettersi alla ricerca di asparagi selvatici per poter preparare questo plum cake molto saporito:

100 g di tonno al naturale

2 cipollotti

1 mazzetto di asparagi selvatici

100 g di emmentaler a dadini

3 uova

200 g di farina

1 bustina di lievito istantaneo per torte salate

50 ml di olio extra vergine di oliva

100 ml di latte

50 g di parmigiano grattuggiato

curry in polvere ( a piacere)

sale

inoltre :

olio extra vergine di oliva

lavare e fare a pezzettini gli asparagi, affettare i cipollotti finemente e sgocciolare il tonno; scaldare una padella con olio e rosolare leggermente i cipollotti, aggiungere gli asparagi e portare a cottura utilizzando , se necessario, dell’acqua per  far rimanere le verdure morbide.

A cottura ultimata aggiungere il tonno e fare andare per qualche altro secondo. Lasciare raffreddare.

Versare in una terrina gli elementi solidi ed in un’altra quelli liquidi, sbattendo leggermente le uova; unire i due composti e aggiungere all’impasto il formaggio a dadini e le verdure con il tonno.

Versare il tutto in uno stampo da plum cake imburrato ed infarinato.

Cuocere a 180° per circa 30 min.

Controlla e la cottura con uno stecchino infilato al  centro e che deve uscirne asciutto.

Read Full Post »

Avendo a disposizione una discreta quantità di olio extra vergine di oliva ( prodotto dalla mia famiglia), quando posso, cerco di sostituirlo al burro ( non che questi non mi piaccia, anzi… ) adattando le ricette , non sempre  i risulati sono ottimali, ma devo dire che in questo caso sono soddisfatta.

Molto probabilmente il gusto differisce da quello preparato col burro ( non l’ho ancora mai provato), in effetti l’aroma dell’olio prevale, noi l’abbiamo pappato tutto…

 

500 g di farina manitoba

latte q.b.

1 cubetto di lievito di birra

1 uovo intero e 4 tuorli

100 g di olio extra vergine di oliva

2 cucchiai di zucchero

sale

1 uovo per lucidare

per il ripieno:

scamorza a dadini

mortadella a dadini

sciogliere il lievito in poco latte tiepido con lo zucchero e far riposare per 10 min.

Impastare tutti gli ingredienti con il latte fino a raggiungere una consistenza morbida ed elastica.

Far lievitare in luogo tiepido per circa un’ora.

Lavorare leggermente la pasta e dividere in pezzetti ( io ne ho fatto 15); stenderli in una sfoglia non troppo sottile, adagiare sopra il ripieno e chiudere cercando di sigillare bene,  formando delle palline.

 

Adagiare le palline su di una teglia imburrata ed infarinata e lasciare lievitare per un’altra ora o fino a quando non raddoppiano di volume.

Spennellare con l’uovo sbattuto e cuocere a 180° per 30 minuti circa.

Read Full Post »

Ingredienti per 14 muffin :

240 g di farina 00

4 cucchiaini di lievito per torte salate

40 g di parmigiano grattuggiato

sale

2 uova

200 g di panna da cucina

50 g di latte intero

2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

scamorza a dadini q. b.

prosciutto cotto a dadini q. b

Riunire in una ciotola tutti gli ingredienti asciutti e mescolarli, aggiungere quelli liquidi leggermente sbattuti ed amalgamare con una spatola; aggiungere, infine i dadini di  prosciutto cotto e scamorza.

Suddividere negli stampini ed infornare a 180° per circa 20 minuti.

PS

se l’impasto risultasse troppo duro aggiungere qualche goccia di latte.

Read Full Post »

quiche2.jpg

Questa quiche la faccio spesso è davvero molto buona e velocissima da preparare, soprattutto se si utilizza la brisè pronta.

 per la brisè:
250 g di farina
125 g di burro
60 g di acqua
sale

Impastare velocemente tutti gli ingredienti e far riposare in frigo per un’ ora.

Per il ripieno:
4 uova
300 g di pancetta
150 g di emmentaler
100 g di panna da cucina
1 pizzico di noce mocata
1 pizzico di pepe
burro per lo stampo

Stendere la pasta in una sfoglia spessa 1 cm circa, foderare una tortiera precedentemente imburrata.
Rosolare la pancetta, tagliata a dadini, con una noce di burro.
sbattere le uova con la panna, aggiungere il formaggio grattuggiato, il pepe e la noce moscata, mescolando il tutto fino ad ottenere una crema.
Versare il composto nella teglia distribuendovi sopra la pancetta.
Cuocere per circa 30 min a 190°.

Read Full Post »

rusibl-2bl.jpg

Ho preparato questo rustico per il pranzo della pasquetta ed è andato a ruba.

Una delle tante versioni della torta di rose… salata.

Per la pasta lievitata :

1 kg di farina 00

1oo g di olio extra vergine di oliva

1 cubetto di lievito di birra

acqua q. b.

sale q. b.

Per il ripieno :

mortadella

wurstel

scamorza

emmentaler

Impastare tutti gli ingredienti ( io ho utilizzato la macchina per il pane) e lasciare lievitare in luoga tiepido per 45 min.

Dividere l’impasto lievitato in tre palline e standere fino a formare tre rettangoli abbastanza sottili.

Adagiare sopra i salumi e il formaggio tagliati a dadini e arrotolare.

Tagliare a rondelle, mettere nelle teglie ( ne servirà più di una, dipende dalla loro grandezza) e lasciare riposare per circa 30 min.

Infornare a 180 gradi per 25/ 30 min.

Read Full Post »

Per descrivere questo “pane” tipico dell’irpinia, o perlomeno della mia famiglia, credo sia opportuno parlarvi di uno degli oggetti che, insieme a pochissimi altri, faceva parte degli “accessori” che utilizzavano in cucina le contadine irpine di qualche anno fa: “lo CHINGO”.
… non chiedetemi la traduzione, purtroppo non la conosco, a dire il vero, non so nemmeno se, effettivamente, si possa tradurre…
Mi è stato descritto da mia nonna come un tegame di creta , preparato artigianalmente (lei stessa lo faceva andando personalmente a raccogliere la creta) e “cotto” nel forno dove si cuoceva il pane; utilizzato per cuocere nel fuoco alcuni tipi di focacce (la “pizza ionna” e quella “aiema”) e torte rustiche (la “pizza chiena”), ma anche carne arrosto con patate.

Per poterlo utilizzare doveva essere rovente e per questo veniva messo a “testa in giù” coperto di carbone e cenere.
La cottura era fatta con il solo calore sprigionato dal tegame mantenuto ,naturalmente, al caldo vicino al fuoco.
Le focacce venivano coperte con foglie di cavolo o castagno, precedentemente sbollentate o appassite sul fuoco, e chiuse con un coperchio ( “lo tiesto” ) di ferro sul quale veniva messa della cenere caldissima.

Successivamente, questo tegame è stato sostituito da padelle di alluminio, di ferro o di rame ( “ruoto” ) che, a differenza del primo, venivano poste su di un piedistallo di ferro con tre piedi (“lo prepete”) direttamente sui carboni e chiuse, poi, da questi “tiesti” ricoperti di cenere.

Oggi , purtroppo, il forno ha preso il posto di entrambi, e noi, a malincuore, dobbiamo prendere atto che questi sono solo i ricordi dei nosrti nonni …

Fatta questa lunga premessa , passo a parlarvi della buonissima e semplicissima “pizza ionna” ,una sorta di pane fatto con la farina di mais…
Mais bianco coltivato ancora da mia nonna e macinato come si facevano volta: nei mulini a pietra.
Viene impastata con acqua bollente, sale e olio; mangiata con le verdure…STRAORDINARIA…
Croccantissima fuori e con il cuore di polenta…

Read Full Post »

Older Posts »